Visite guidate

La Riserva del Biviere di Gela offre la possibilità grazie agli operatori di effettuare osservazioni di specie di flora e fauna sia in migrazione sia che vive stabilmente nella riserva.
Nel casale del 1610 che ospita gli uffici della Riserva è presente il centro visite Synvolum un percorso che tra storia e scienza racconta il lago Biviere e l’ importanza della Riserva Naturale.
Nella Riserva è presente un’ area attrezzata coperta in cui è possibile fare un break e concedersi uno spuntino (pranzo a sacco).
I sentieri sono percorribili da soggetti diversamente abili con sedia a rotelle accompagnati. La riserva, inoltre,  dispone di servizi igienici attrezzati per diversamente abili.

Itinerari

 

 

 

 

 

 

 

 

Zonizzazione

zonizzazione riserva biviere di gela

 

 

 

 

 

 

 

La riserva è suddivisa in due tipi di zone: ZONA A (riserva integrale) e ZONA B (preriserva)

Vademecum

La Riserva è aperta a tutti.
Adottando semplici norme di comportamento, rispettosi della natura del Lago, ci aiuterete a proteggere e conservare questo prezioso e fragile patrimonio.
Pertanto L’Ente Gestore vi chiede di seguire alcuni piccoli suggerimenti:

  • Riportare a casa i rifiuti
  • Non accendere fuochi
  • Non raccogliere fiori
  • Non catturare insetti
  • Non disturbare in alcun modo gli animali selvatici
  • Evitare di fare rumori
  • Non utilizzare mezzi motorizzati al di fuori delle strade asfaltate
  • Non allontanarsi dai percorsi
  • Non introdurre cani o altri animali domestici

Visite guidate per le scuole

Ritorna la bella stagione e l’impulso di trascorrere una giornata nella natura:
per tutte le scuole interessate allo svolgimento di visite didattiche nella Riserva Naturale Orientata Biviere di Gela alcune utili informazioni:
– La Riserva mette a disposizione materiale ottico (binocoli e cannocchiale)
– nella Riserva è presente un’ area attrezzata coperta in cui i ragazzi possono fare un break e concedersi uno spuntino (pranzo a sacco);
– Al fine di rendere la visita proficua e non solo una piacevole giornata fine a se stessa, la Riserva del Biviere dispone di strumenti didattici, quaderni di educazione ambientale per alunni e manuali per insegnanti, che aiutano a prepararsi alla visita. La visita alla riserva per essere completa va effettuata nei diversi periodi dell’anno scoprendo che gli animali, le piante che popolano la riserva e gli ambienti che si possono osservare cambiano con l’avvicendarsi della stagioni;
– Grazie alla presenza di volontarie del servizio civile internazionale sarà possibile organizzare nelle scuole incontri che aiuteranno i ragazzi a prepararsi alla visita nella Riserva del Biviere.
– Al fine di svolgere una visita proficua si invitano gli insegnanti a non portare un numero elevato di ragazzi, in troppi diventa difficile vivere bene l’esperienza in natura; il numero ideale è di 20-25 ragazzi. Si consiglia agli insegnanti di prenotare per tempo la visita guidata per assicurarsi della disponibilità degli operatori e per evitare di accavallare la propria visita con quella di altre scolaresche.
– La richiesta può essere inoltrata via fax al numero 09331936017 o via mail al seguente indirizzo: direttore@riservabiviere.it; deve indicare: il giorno individuato per la visita, il numero di ragazzi e accompagnatori previsti, la durata della visita, se si intende usufruire dell’area attrezzata.
Il modello della richiesta da inoltrare ed una carta con norme di comportamento per i ragazzi da visionare prima della visita sono disponibili nella sezione documenti e modulistica.

Manuali e quaderni di educazione ambientale

I manuali di educazione ambientale
Sono strumenti utili agli Insegnanti per poter organizzare al meglio percorsi di Educazione Ambientale, incentrati sul territorio di Gela e sul Biviere di Gela in particolare, che sappiano coinvolgere gli alunni nell’adozione della RNO ”Biviere di Gela”. I manuali sono tre, ognuno incentrato sulla propria fascia scolastica in maniera tale da poter essere più opportunamente utilizzato dalle Scuole Primarie, Scuola Secondaria di Primo Grado e Scuola Secondaria di Secondo Grado. Essi hanno una sezione in comune che riguarda gli aspetti relativi alla Protezione della Natura, ai Principi di Educazione Ambientale oltre che le questioni ambientali legate al territorio ed al Biviere. La seconda parte del Manuale invece rappresenta il vademecum per la migliore valorizzazione del quaderno relativo alla corrispondente fascia scolastica. Essa informa inoltre sulle corrette metodologie educative e didattiche da adottare.

I quaderni di educazione ambientale
I quaderni propongono agli allievi una serie di attività perché divengano protagonisti del processo didattico educativo. Essi suscitano molte domande e danno poche risposte preconfezionate al fine di stimolare e scatenare la curiosità dei ragazzi ed educarli al metodo della ricerca e dell’approccio problematico alla realtà. Le attività sono organizzate in tre momenti distinti:
1. Fase di preparazione degli allievi alla visita (prerequisiti a livello di conoscenze e competenze)
2. Fase di esplorazione sul campo con attività pratiche da realizzare al Biviere
3. Fase di rielaborazione dei dati e dei materiali raccolti durante l’esplorazione

I quaderni di educazione ambientale sono disponibili nella sezione documenti e modulistica

I commenti sono chiusi.