Il Futuro ci parla parla di biodiversità

23 Maggio, 2020 • Attività, News

La Piana di Gela ha un futuro economico per la biodiversità

In questi giorni la commissione Europea ha presentato ufficialmente il “Green Deal” Europeo

Una nuova e strategia per la tutela della biodiversità e la strategia “Dal produttore al consumatore” (“Farm to fork)” per un sistema alimentare equo, sano e rispettoso dell’ambiente. E’ la prima volta che un istituzione, nel mondo, metta a centro dell’economia e dello sviluppo una riforma economica vera e propria.

https://www.adnkronos.com/sostenibilita/in-pubblico/2020/05/20/della-commissione-strategie-biodiversita-farm-fork_zn1s9xvHT1M6q3Mgz8iN7K.html

Oggi è un giorno speciale in cui l’uomo ha fatto un passo avanti nella sua evoluzione.

ovviamente non è tutto ok, adesso il parlamento dell’unione Europeo deve trovare il coraggio per completare e dare concretezza al piano.

Facciamo una riflessione su quanto abbiamo perso negli ultimi anni in natura nei nostri territori su scala locale. Il bosco di Santopietro e di Niscemi, oggi riserve regionali, hanno una superfice di circa 9.000 ha. fino al 1920 questi boschi si estendevano dal Biviere di Gela A Niscemi, Caltagirone, Acate, Mazzarrone ed avevano un estensione di 35.000 ha. avevano un estensione degna di un parco regionale. nella Pianura di Gela oggi abbiamo come zone umide il Biviere che ha una zona umida di circa 200 ha e piana del signore dove rimangono 40 ha. Solo negli anni venti e trenta a gela furono distrutte 800 ha. di zone umide e negli ultimi decenni altre 300 ha (contrada margi, saliti, Manfria Roccazzelle ecc…), Abbiamo distrutto i macconi che si estendevano per 30 km. Cosa si salverà per le future generazioni?

Per questo nasce un marchio a misura di biodiversità:

Leopoldia

E’ stato depositato, oltre al marchio, un disciplinare d’uso per poter accedere all’uso dello stesso

https://drive.google.com/open?id=1YBL5Z7utRzzk2oXWywGGq7MSPYxSuaBi

La Piana di Gela che comprende diversi territori comunali: Gela, Niscemi, Butera, Mazzarino, Caltagirone ed Acate rientra nel progetto Europeo di Rete natura 2000. E’ una delle aree a più alto valore ecologico d’Italia. la piana di Gela a tutelata per il futuro dell’umanità.

Il marchio concepito nel progetto life leopoldia innesca un innovazione, misurare lo sviluppo economico sul benessere della biodiversità di questo straordinario territorio. Uno sviluppo a misura di biodiversità.

Rete natura 2000 oggi è il progetto Europeo più ambizioso dell’umanità per ristabilire un equilibrio tra uomo e pianeta. La sfida nella Piana di Gela è di invertire il modello dello sviluppo degli ultimi decenni e dare una speranza.

Abbiamo tutti voglia di futuro, abbiamo voglia di vita abbiamo voglia di valori.

Tags: , , , , , , , , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *